Le responsabilità del committente nei cantieri

Guida per conoscere i propri doveri

Il committente viene definito dal Decreto Legislativo 81/2008 come il “soggetto per conto del quale l’intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione …”.
Assume automaticamente la funzione di committente chi, ad esempio,

  • in qualità di proprietario di una villetta, affida i lavori di tinteggiatura interna od esterna;
  • in qualità di locatario di un appartamento, affida i lavori di rifacimento del bagno;
  • in qualità di amministratore di condominio, affida i lavori di rifacimento del manto di copertura o di isolamento a cappotto dei muri;
  • in qualità di titolare d’impresa, affida i lavori di sistemazione degli uffici o di ampliamento della zona produttiva del suo capannone aziendale;
  • in qualità di proprietario di un lotto edificabile, affida i lavori di costruzione della sua nuova casa.


Egli ha precise responsabilità penali ed amministrative attribuitegli dalla legislazione vigente, come ad esempio:

  • designare il coordinatore per la sicurezza se necessario (pena l’arresto da 3 a sei mesi o l’ammenda da € 2.500 a € 6.400)
  • accertare i requisiti del coordinatore
  • trasmettere il P.S.C. (Piano di Sicurezza e di Coordinamento) a tutte le imprese invitate a presentare l’offerta (pena la sanzione amministrativa pecuniaria da € 500 a € 1.800)
  • comunicare alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi il nominativo del coordinatore, in modo che venga anche riportato sul cartello di cantiere (sanzione amministrativa pecuniaria da € 500 a € 1.800)
  • vigilare sull’operato del coordinatore (pena l’arresto da due a quattro mesi o ammenda da € 1.000 a € 4.800)
  • verificare l’idoneità tecnico professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi (pena l’arresto da due a quattro mesi o l’ammenda da € 1.000 a € 4.800)
  • trasmettere all’Amministrazione del titolo abilitativo (pena la sanzione amministrativa pecuniaria da € 500 a € 1.800)
    • copia della notifica preliminare;
    • copia del documento che attesta il regolare versamento dei propri contributi assicurativi (D.U.R.C.);
    • una dichiarazione dove attesta di avere svolto la verifica di idoneità tecnico-professionale delle imprese e dei lavoratori autonomi, dell’organico medio annuo e del Contratto collettivo applicato ai lavoratori dipendenti.

Il Collegio dei Geometri e Periti Industriali di Udine ha pubblicato una guida chiara e semplice sulle responsabilità, anche penali, del committente relative alla sicurezza incantiere.

L’Inail e il Coordinamento toscano dei CPT hanno pubblicato una utile guida destinata ai privati cittadini, agli amministratori di condominio, ai proprietari di immobili, ai titolari di aziende che intendono far costruire una nuova opera edile o intervenire su una esistente con lavori di riparazione, manutenzione ordinaria e straordinaria ed installazione impianti.
La pubblicazione illustra quindi doveri e obblighi del proprietario di un’opera edile, citando ampiamente la normativa in materia, che nello specifico è regolata dal Decreto legislativo 81/2008, Titolo IV, capo I s.m.i. e relativi allegati e i due articoli del Codice Penale ai quali può essere soggetto chi con condotta negligente provoca la morte o il ferimento di altre persone (art.589 Omicidio colposo e art. 590 Lesioni personali colpose).
La guida risponde in maniera chiara ed efficace a questi quesiti:
• chi è il Committente?
• quali sono gli obblighi del Committente?
• quali sono le sanzioni civili e penali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Home Sicurezza in cantiere Le responsabilità del committente nei cantieri
© Studiosicurezza